"Ogni giorno scopro di avere un futuro! Un futuro che deriva dalla straordinaria gratificazione di questo mestiere, un mestiere nobile che oltre a produrre, ha l'obbligo di preservare e tramandare."

Francesco Gradassi

In Umbria, la coltivazione dell'olivo è tra le più antiche d'Italia, dato che i primi a curare questa pianta fruttifera furono gli etruschi. L'olio extra vergine di oliva è diventato uno dei principali tesori della terra umbra e non esiste luogo che non sia caratterizzato dalla presenza dell'ulivo.

L’azienda situata ai piedi della collina Marfuga, proviene da un’antica famiglia di agricoltori, testimonianze come un'unità di misura di vendita, marchiata dallo Stato Pontificio, trovato nei magazzini aziendali, provano che sin dal 1817, vendeva olio ricavato dai propri uliveti e che sin dai primi del 1900, il mio bisnonno Domenico già spediva in damigiane di vetro il prezioso nettare a famiglie del nord Italia, come testimoniano alcuni documenti di trasporto delle Ferrovie, ritrovati negli archivi di famiglia.

Il primo sviluppo si ebbe grazie alla volontà di Ettore, che negli anni della crisi agricola (intorno agli anni 1950/'60), pur interpretando la carriera bancaria, seppe, con caparbietà e sacrifici, acquisire nel corso degli anni nuovi uliveti e nel 1976, realizzare un nuovo frantoio.

L’ingresso in azienda di Francesco, figlio di Ettore e di sua moglie Federica, negli ulti anni ’90 è coincisa con la creazione del brand MARFUGA e con la realizzazione del nuovo centro aziendale.
Alla qualità produttiva ha corrisposto un’incisiva politica commerciale orientata alla ristorazione qualificata, alle più importanti realtà gastronomiche italiane e di tutto il mondo.
Attualmente MARFUGA non è solo produzione olio di eccellenza, ma è un progetto più ampio, finalizzato alla valorizzazione del territorio e alla divulgazione culturale del mondo dell’olio.